Masseria Borgo dei Trulli

È la Puglia, con i suoi vitigni, la regione principale dove la Orion Wines ha trovato le condizioni ideali per mettere in pratica e sviluppare la propria idea: produrre interessanti ed ottimi prodotti accessibili ad un largo pubblico di consumatori

Negli anni la Orion Wines ha instaurato dei rapporti solidi e genuini con molti produttori di uva pugliesi, che hanno condiviso le tecniche agronomiche proposte dalla squadra dei suoi winemaker.

Anche la lavorazione delle uve è stata resa possibile nelle cantine selezionate sul territorio, dotate di una tecnologia moderna in grado di rispettare al massimo la materia prima. La squadra di winemaker ha elaborato i protocolli di lavorazione specifici per ottenere il massimo dalle uve, in base all’obbiettivo enologico finale.

Con il passare degli anni, la conoscenza sempre più profonda del territorio pugliese, ha confermato nella Orion Wines che la potenzialità di quella regione è ancora molto alta. I vini ottenuti dai vecchi vigneti, coltivati ad alberello e a spalliera hanno una qualità eccezionale, una personalità unica, che li possono far entrare pienamente nella classifica dei migliori vini italiani e mondiali. Orion Wines ritiene che i vini pugliesi possono essere conosciuti ancora di più di quello che sono oggi, e guadagnarsi maggiori fette di mercato, in particolare quel mercato che ne riconosca la qualità eccezionale.

Orion Wines, con il passare delle vendemmie, ha individuato nella fascia tra i paesi di Manduria-Sava e le coste del mar Ionio, le zone migliori, per la qualità dei suoli, per le condizioni microclimatiche, per l’età delle vigne. È qui che ha concentrato il suo lavoro e le collaborazioni con i produttori di uva. 

Orion Wines vuole divulgare tutta questa ricerca, e capisce che per far conoscere la qualità  dei prodotti di questa terra, e le differenze che lei stessa ha potuto vedere, è necessario trasmettere al consumatore, insieme all’assaggio e alla spiegazione dei vini, anche un insieme di informazioni, di immagini, tradizioni, cibi tipici, punti distintivi chiari delle zone di origine.

Ad un certo punto, Orion Wines, anche grazie al consolidato rapporto con l’enologo Giuseppe Bino nato e cresciuto in Puglia, che condivide pienamente l’idea di valorizzare i vini di quei territori, matura l’idea di sviluppare un progetto nuovo, specifico e radicato nel territorio salentino. Costituiscono insieme l’azienda agricola con il nome di Masseria Borgo dei Trulli.

Masseria Borgo dei Trulli è un azienda agricola che ha acquistato i terreni nelle migliori zone viticole del Salento, in particolare nei comuni di Sava, Manduria e Maruggio in provincia di Taranto, dove coltiva principalmente primitivo, negroamaro, vermentino, malvasia bianca, fiano, sauvignon bianco e nel comune di Guagnano, in provincia di Lecce, dove produce le uve negroamaro e malvasia nera, per il Salice Salentino doc.

Individua un’antica masseria immersa nei vigneti, dove realizzare la cantina per vinificare le uve e creare degli ottimi vini. La cantina, è situata nel comune di Maruggio, nella contrada denominata Roselle, dista 5 km in linea d’aria con il mar Ionio e si trova nel cuore della DOP Primitivo di Manduria. Nella zona, sparpagliati nelle terre, si possono trovare una miriade di antiche costruzioni molto caratteristiche, chiamate trulli saraceni, e da questo prende il nome l’azienda agricola Masseria Borgo dei Trulli. Masseria è il termine usato in Puglia per individuare l’edificio rurale principale, il centro aziendale dove avviene anche la trasformazione e la conservazione del prodotto agricolo.

La cantina è stata costruita nel rispetto del paesaggio circostante, a fianco di una vecchia masseria restaurata. Si nota il contrasto fra la cantina, costruzione moderna, tecnologica, dotata di impianti all’avanguardia per trasformare nella maniera migliore le uve e conservare il vino, e la vecchia masseria, un tempo adibita al ricovero degli animali, costruita con la pietra locale detta TUFO, con la caratteristica architettonica degli archi e volte a stella.

L’equilibrio e la sinergia architettonica e funzionale delle due aree fanno godere a pieno alle persone coinvolte il momento lavorativo in campagna e in cantina con i momenti di assaggio e consumo dei prodotti ottenuti.